MOBILITA’

MOBILITA’

Dal trasporto pubblico passa buona parte dello sviluppo di un territorio. Su questo versante purtroppo le cose in Irpinia vanno decisamente male: la sospensione della tratta ferroviaria Avellino-Rocchetta S. Antonio e la riduzione drastica delle corse dei bus stanno incidendo pesantemente sulla qualità della vita, sull’economia e quindi sullo sviluppo dell’area. Sono diverse le proposte che abbiamo depositato in Regione, alla Provincia, all’A.Ir. Spa ed al Comune di Avellino, per ridisegnare le prospettive di mobilità ed arginare un disagio molto profondo.

Questa, ad esempio, è la relazione finale del Progetto Musa sulla Mobilità, venuta fuori dagli incontri tenutisi presso il Comune di Avellino, cui abbiamo partecipato anche noi. Sembra che però sia rimasta lettera morta, soprattutto riguardo gli interventi da fare.

Ma noi non demordiamo e continuiamo a presentare le nostre proposte in materia di tpl (trasporto pubblico locale) che, volendole sintetizzare in 11 punti, sono:

  1. trasporto pubblico avellino-rocchettaRipristinare la funzionalità della ferrovia Avellino-Rocchetta S.Antonio fino alla stazione di Lioni, con unica fermata intermedia alla stazione di Ponteromito, ed impostare per entrambi gli stazionamenti la combinazione col trasporto su gomma, collegando le aree limitrofe;
  2. Velocizzare il trasporto su ferro fino a Lioni, fino a Benevento, fino a Salerno-Fisciano e fino a Napoli, garantendo almeno 8 corse giornaliere per ognuna di queste destinazioni;
  3. Garantire per tutti i comuni della provincia il collegamento pubblico ed un minimo di 4 corse giornaliere da e per Avellino;
  4. Collocare un’indicazione visibile per tutte le fermate su territorio provinciale;
  5. Installare per ogni fermata tabelle orarie aggiornate, con informazioni sulle corse per i paesi limitrofi, per quelli più importanti della provincia e per il capoluogo;
  6. Munire tutte le fermate di un dispositivo automatico per l’acquisto dei biglietti (se inizialmente risulta troppo dispendioso attuarlo per tutte le fermate, indicare almeno un metodo per l’acquisto online oppure il punto rivendita biglietti più vicino);
  7. Realizzare una App con tutti gli orari, le combinazioni per raggiungere la propria meta in tutta la provincia e la possibilità di acquistare biglietti online;
  8. Rifare il manto stradale per tutte le vie di comunicazione provinciale che presentano buche diffuse, dissesti pericolosi, crepe rilevanti e addirittura parziale mancanza di asfalto, mettendo in serio pericolo i cittadini;
  9. Adeguare la cartellonistica stradale per le indicazioni sia di città/paesi che di siti d’interesse;
  10. Mettere in sicurezza l’Ofantina bis, strada che attraversa tutta l’Irpinia, arrivando fino in Puglia, ma sulla quale si sono verificati troppi incidenti, molti dei quali mortali;
  11. Favorire l’uso del mezzo pubblico attraverso la pubblicitàpromozioni particolari in convenzione con enti pubblici e privati, in modo da renderne conveniente l’utilizzo ed abbassare drasticamente gli inquinanti atmosferici (l’inquinamento dell’aria uccide 5,5 milioni di persone all’anno).
    trasporto pubblico irpinia mobilità